Implantologia: le domande più frequenti

IN EVIDENZA

Implantologia: le domande più frequenti

Frequently asked questions

Quanto è doloroso l’intervento?

L’intervento viene fatto in anestesia locale e nel corso dell’interevento non si avverte nessuna  sensazione dolorosa. Solo dopo che passa lo stato di anestesia è possibile avvertire un po’ di dolore. Tale dolore è assai modesto ed assimilabile a quello di una estrazione dentaria.

Quanto è lungo l’intervento?

Gli interventi di implantologia ad una arcata durano fra i 20 ed i 40 minuti a seconda del numero di impianti posizionati.

Si possono inserire contemporaneamente impianti sia nell’arcata superiore che in quella inferiore?

Gli interventi implantologici sono interventi mini-invasivi per cui è possibile inserire più impianti in diverse posizioni della bocca e nelle due arcate.

Quando potrò mettere i denti?

Usualmente ci sarà un tempo di attesa di 1-4 mesi dopo l’intervento prima di passare alla fase della protesizzazione, che durerà da una a due settimane. In casi selezionati è possibile effettuare il carico immediato degli impianti.

E’ possibile effettuare l’intervento in anestesia generale?

Tutti gli interventi di implantologia possono essere effettuati in anestesia locale senza che il paziente avverta la benché minima sensazione dolorosa. Esiste tuttavia una domanda crescente di ridurre non tanto il dolore quanto lo stress, la paura o l’ansia. L’Istituto Stomatologico Tirreno, operando nell’ambito dell’Ospedale della Versilia, può contare sull’opera degli Anestesisti che possono assistere l’intervento sia in sedazione cosciente che in anestesia generale.

Gli impianti possono essere inseriti subito dopo un’estrazione?

Gli impianti possono essere inseriti immediatamente dopo una estrazione con elevate percentuali di successo. Ovviamente occorre che il caso sia adeguatamente selezionato ed esistano le condizioni intra-operatorie per l’immediato posizionamento dell’impianto.
Laddove l’impianto non possa essere inserito immediatamente questo sarà possibile dopo un’attesa che andrà dai 30 ai 180 giorni.

E’ possibile sostituire i denti mancanti con una protesi provvisoria durante il periodo di guarigione?

Esitono diverse soluzioni sia fisse che rimovibili. In ogni caso si cerca di evitare i tutti i modi che il Paziente resti provvisoriamente senza denti.

E’ possibile guidare dopo l’intervento?

L’intervento è del tutto assimilabile ad una estrazione dentari per cui non esistono controindicazioni alla guida, se il Paziente si sente in grado di farlo.

Dopo l’intervento sarà necessario effettuare una terapia medica?

In generale saranno prescritti farmaci antibiotici, analgesici e disinfettanti del cavo orale.

Gli impianti possono essere di aiuto nei portatori di dentiera?

Se la dentiera è relativamente nuova è possibile conservarla inserendo un minimo di 2 impianti che contribuiranno a darle stabilità.

Che tipo di capsula può essere usata sugli impianti?

Gli impianti possono supportare diversi tipi di capsule ed ogni caso richiede una soluzione adeguata che dovrà essere discussa e concordata con il chirurgo ed il protesista.

Gli impianti dentari rappresentano la soluzione definitiva?

Gli studi più recenti mostrano elevate percentuali di successo anche dopo 20 anni. Molto dipende, come per qualsiasi altro manufatto, dalla assidua manutenzione e dai periodici controlli.

Esiste la possibilità che gli impianti subiscano il fenomeno del rigetto?

Il rigetto da un punto di vista biologico colpisce organi e tessuti (un cuore, un rene , un fegato) e non esiste dunque per sostanze elementari come il titanio. Il titanio è uno dei materiali più biocompatibili (incapace cioè di dare una risposta immunitaria e/o infiammatoria) ed è largamente usato in molti campi della medicina senza che si realizzino risposte immunitarie. In altre e più semplice parole non esiste un’allergia al titanio.

Gli impianti necessitano di speciali attenzioni da parte del Paziente?

No, la salute degli impianti necessita delle attenzioni che servono a mantenere la dentatura naturale. E’ pertanto importante un accurato spazzolamento quotidiano e periodici controlli dal Dentista e dall’Igienista dentale. In assenza di questo impegno diventa impossibile assicurare la salute dei denti e degli impianti.

Perchè l’igiene orale è così importante?

Intorno al collo impiantare esiste un colletto di tessuti molli (gengiva, tessuto connettivo) che rappresenta una barriera alla progressione della placca batterica in profondità verso l’osso di supporto degli impianti. La quotidiana ed accurata rimozione della placca al colletto previene la progressione dei batteri in profondità e quindi l’insuccesso degli impianti per infezione.